mercoledì 26 agosto 2015

Novità sulla Roma - Lido

Personale proveniente dalla Roma – Giardinetti e Caf presi “in prestito” dalle linee A e B, questa è la ricetta presentata nei giorni scorsi per alleviare, almeno in parte, i disagi insostenibili della linea Roma – Lido. Una soluzione ben lungi dall’essere perfetta (lo stesso assessore alla mobilità Esposito ha ammesso che servirebbero 180 milioni di euro per avviare la trasformazione in metropolitana) ma resasi assolutamente necessaria, visto il perdurare dello stato di emergenza sulla linea per Ostia.

Analisi della soluzione
Entro l’inizio d’ottobre la Roma – Lido dovrebbe disporre di 7 “nuovi” treni (virgolettiamo perché già impiegati su altre linee). Nel dettaglio saranno:
  • Tre CAF serie MA300 presi dalla metro B
  • Due CAF serie MA300 presi dalla metro A
  • Due convogli MA200 provenienti dalla metro A

Gli interventi per adattare questi treni della metropolitana alla ferrovia saranno:
  • Installazione di un gradino per avvicinare le carrozze alla banchina.
  • Innalzamento dei pantografi tramite l’installazione di un castelletto.
  • Installazione dell’aria condizionata (solo sui treni MA200).

Lo stato di avanzamento dei lavori
Al primo CAF della metro B (MA391-392), entrato in esercizio il 29 luglio, si è aggiunto recentemente il primo MA200 con aria condizionata a bordo.

Il CAF recentemente aggiunto ha mantenuto la livrea della metro B

Il servizio migliorerà?
E’ difficile fare una previsione: saranno i pendolari a dirlo. Come ben sappiamo con l’attuale stato di manutenzione deficitario l’equazione più treni = servizio migliore non vale più, specie dopo i continui guasti delle MA100 e dei MA200.
Ricordiamo inoltre che i primi CAF della Roma – Lido, avendo ormai abbondantemente corso per oltre 10 milioni di chilometri, necessitano della sostituzione integrale delle ruote e delle sale montate, così come gli altri CAF serie 300 delle linee metro A e B.
Poiché, così come il bando per i 700 nuovi autobus, anche i due bandi per reperire i pezzi di ricambio sono rimasti deserti, che tipo di servizio potranno offrire dei treni con delle ruote usurate?

Citando OdisseaQuotidiana: sarà un settembre per veri Paladini della Roma - Lido.

6 commenti:

  1. ma i CAF presi da A e B poi mancano ad A e B...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto... Si lavora solo in stato emergenziale ormai

      Elimina
  2. Io sapevo di tre CAF invece leggo di cinque CAF. Se fosse così che senso ha buttare ancora soldi sui 200? Avremmo 10 CAF (5 già in esercizio più 5 aggiunti). Per frequenze a 10 minuti credo bastino 10 treni. Considerando che abbiamo 2 MA100 è 2 Fiat come riserve (i 3 o 4 MA200 manco li considero) avremmo dunque treni a sufficienza. Il problema di cui non si parla sono le sottostazioni. La Roma lido 10 CAF in contemporanea, anche se depotenziati sono sopportabili? E poi rimane il problema delle ruote usurate. La sensazione è di una coperta maledettamente corta.

    RispondiElimina
  3. I treni in più non sono 5 ma 3 caf dalla metro B. Non verrà nessun macchinista dalla Giardinetti ma solo dei nuovi capitreno. I capitreno della Lido che hanno già fatto il corso e gli esami da macchinista saranno spostati a fare i macchinisti.

    RispondiElimina
  4. Sì ma così noi utenti della metro A ci ritroviamo con quattro treni in meno, sulla linea più importante di Roma nell'anno del Giubileo, dando oltretutto un'altra scusa ai macchinisti per fare sciopero bianco, come se già non ne avessero abbastanza. Per far stare appena appena un po' meglio la Roma-Lido noi saremo ridotti definitivamente al Terzo Mondo. Bella roba...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna comprare treni nuovi la metro B lo ha già fatto indroducendo le nuove MA 400 perchè la metro A invece no! Io sono pendolare della Roma-Lido e credimi i treni nuovi (decenti) ci servono perchè se la vogliono trasformare in metro allora devono rifare parecchio ma non solo i treni anche le stazioni come quelle di Tor di Valle,Ostia Antica,Stella Polare ecc. Avoja i lavori!

      Elimina