sabato 27 maggio 2017

Brucia il decimo autobus del 2017!

Poco fa l'ennesimo flambus. La vettura 3751, un CityClass Cursor del 2002, che era in servizio sul 508 ha preso fuoco nel primo pomeriggio di oggi al capolinea Ponte Mammolo. Già ieri ad Anagnina era andata a fuoco la vettura 462, che aveva solo 3 anni e mezzo. 


Ribadiamo che gli incendi sono dovuti ai ritmi incessanti di lavoro a cui sono sottoposte le vetture e a causa dei brevissimi tempi di riposo. Questo è il decimo bus andato flambè nei primi 5 mesi del 2017, ma la situazione è destinata a peggiorare con l'arrivo del caldo estivo.
Atac deve prendere tempestivi provvedimenti in merito prima che i danni non siano solo alle cose ma anche alle persone.

Foto e testo di @TPLRoma

venerdì 26 maggio 2017

Buongiorno Regione del 25/05

Ieri mattina sono intervenuto da l.go Argentina al TGR per trattare l'annoso problema dell'evasione tariffaria.

Col mio intervento, da cittadino e pendolare abbonato a Metrebus da 7 anni, ho sollevato le mie perplessità sull'iniziativa degli amministrativi-controllori Atac (i nuovi controllori in pettorina gialla, per capirci).
Già qualche mese fa si è tentato di lanciare controllore fisso sulle linee periferiche 046-047-106-107-507. Una sperimentazione durata due mesi che non ha avuto alcun seguito: di fissa ormai resta solo l'evasione.

L'A.U. di Atac Fantasia ha sottolineato che l'azione delle "pettorine gialle" sarà permanente, ma questo lo verificheremo solo col tempo.
Decisamente più apprezzabile e incisiva la strada che Cotral sta intraprendendo sotto la guida della Presidente Colaceci: da ottobre gli autisti diventeranno anche controllori e la salita avverrà solo dalla porta anteriore, come già si fa da anni nel resto d'Europa.
A differenza degli amministrativi in pettorina gialla di Atac, gli autisti Cotral avranno il patentino da verificatore: potranno chiedere i documenti ed elevare sanzioni, qualora necessario.

Insomma una bella differenza tra chi fa le cose solo per apparire e chi sta lavorando per rilanciare veramente la propria azienda.

martedì 23 maggio 2017

Minibus elettrici - Ancora riduzioni del servizio!




Notizia di qualche ora fa è la riduzione di corse della linea 117, l’unica linea ancora gestita con i minibus Gulliver elettrici. La linea che subirà, secondo Atac, una rimodulazione, che nei fatti è una propria riduzione di corse dell’unica superstite tra le linee gestite con i minibus della rimessa Trastevere. Infatti, a causa dei problemi alle batterie che hanno progressivamente bloccato i mezzi in questi anni, molte linee del centro storico sono state sospese (116-116T-119-125). Anche la linea 115 era gestita con minibus, salvo poi essere modificata nell'itineriario per impiegare, per mancanza di Gulliver, i bus da 8 metri a diesel. Queste vetture, una volta simbolo della rinascita del trasporto elettrico su gomma, bruciarono in buona parte nel 2009 a causa di un incendio divampato all’interno della rimessa Trastevere.
Dunque da domani la linea 117, che già svolgeva il servizio con l’impiego di un'unica vettura su due fasce orarie, quella mattutina e quella pomeridiana, con rientro in deposito a metà giornata per “rianimare” le batterie, passerà da 7 corse giornaliere a 6. Il sabato la quantità di corse resterà invariata. La domenica e i festivi la linea resterà inattiva.

Alcuni minibus elettrici fermi all'interno della rimessa Trastevere

Con l'ennesima riduzione dell’offerta nel centro storico, è ormai tracciato il percorso verso la sospensione definitiva del servizio nel Centro Storico: anche le altre linee gestite con vetture "corte" funzionano da mesi a singhiozzo per la vetustità del parco mezzi. La risposta istituzionale tarda arrivare, nonostante gli allarmi lanciati su questa e altre piattaforme mesi fa.
Certamente sarebbe stato opportuno utilizzare i residui fondi giubilari per rinnovare la flotta di minibus, anzichè comprare 15 bus da 12 metri.