InfoLive

AUDIZIONE COMMISSIONE MOBILITA': Il 30 agosto 2016 parteciperemo in audizione alla commissione mobilità. Quali temi sollevare? Scrivici su etrgiallo@gmail.com | RTN24: gli aggiornamenti in tempo reale sullo status dei mezzi pubblici via telegram www.telegram.em/RTN24

martedì 30 agosto 2016

Resoconto Commissione Mobilità

Il giorno 30 agosto 2016 ho partecipato per conto del mio blog, Sferragliamenti dalla Casilina, e Romanderground alla Commissione Mobilità con oggetto l’audizione di blog e comitati pendolari.


Questa "maledetta" Metro C
Tanti (per non dire troppi) comitati sono intervenuti, forse sarebbe stato meglio spalmare gli  interventi su due giornate. Non sono purtroppo mancati all’appello i veri “sedicenti esperti di bus, tram e metropolitane” che non hanno esitato a rinnovare la scandalosa richiesta di limitare la linea C alla stazione San Giovanni. Oltre alle risposte ben argomentate del comitato MetroXRoma e del blog RomaFaSchifo, il presidente della Commissione Stefàno ha ribadito fermamente che la linea dovrà necessariamente ai Fori Imperiali, visto l’avanzata progresso dei lavori. Inoltre in questi mesi bisognerà ragionare approfonditamente su che cosa fare dopo il Colosseo, soprattutto in relazione alla rescissione di contratto con l’attuale costruttore.
In merito alla metro C la posizione di Sferragliamenti dalla Casilina e di Romanderground è la seguente:  poiché l’attuale tracciato previsto sotto Corso Vittorio Emanuele è già stato privato di due fermate (Argentina e Risorgimento) con una terza a rischio (Chiesa Nuova) crediamo siamo opportuno studiare tramite indicatori costi/beneficio altri possibili vie da percorrere. Questo approfondimento o confermerà l’utilità dell’attuale tratta T2 oppure aprirà nuove interessanti prospettive alla linea verde. In ogni caso fermarsi a Colosseo sarebbe uno spreco di denaro pubblico incalcolabile, viste le capacità di trasporto della metropolitana.

Altre questioni interessanti sono state sollevate, come la riorganizzazione della rete di superficie, il prolungamento della metro B a Casal Monastero, la tranvia sulla Togliatti. La Commissione ha confermato la disponibilità ad aprire tavoli tematici specifici, soprattutto in vista del nuovo Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) che sarà redatto a breve.
L’incontro è stato sostanzialmente conoscitivo e ci auguriamo che sia solo il primo di una lunga serie.

Per ragioni di tempo il mio intervento si è focalizzato quasi esclusivamente sull’ambito Roma-Centocelle-Giardinetti.



Per altri interventi cliccare qui.
Vi aggiorneremo non appena riceverò le risposte in merito alle questioni sollevate:
  • Cronoprogramma lavori Stazione Centocelle
  • Inserimento del prolungamento Giardinetti-Tor Vergata nel PUMS
  • Tutela dei treni storici

lunedì 29 agosto 2016

Sedicenti esperti

«Trasporti a Roma, l'effetto Cinque Stelle apre le porte ai blog e ai sedicenti esperti di bus, tram e metropolitane.

Dalle “vittime” delle Roma-Lido, sino ai disperati della Roma-Viterbo, transitando per gli utenti della Metro B e tutti coloro che hanno sentito negli anni l'esigenza di trasformare il disagio quotidiano in una protesta virale, sono chiamati a raccolta per due giorni dalla Commissione Trasporti presieduta da Enrico Stèfano.

L'appuntamento con quelli che non ne possono più dell'Atac e che sono convinti di avere un'idea o un sogno per cambiare le regole della mobilità è fissato per martedì e mercoledì 30 e 31 agosto a partire dalle ore 10 in via Capitan Bavastro, 94 dove i tecnici del Dipartimento e l'Agenzia per la Mobilità verranno umiliati dai racconti e dalle lamentele dei rappresentanti degli utenti riuniti nelle decine di blog che sono diventati i contenitori del disagio, di quella “maledizione romana” che costringe un milione di persone ogni giorno ad affrontare il viaggio casa-lavoro o casa-scuola e ritorno in condizioni difficili. L'Atac sarà il grande assente.
Ufficialmente la due giorni è una semplice “audizione”.  Nelle stanze dove si è deciso sino ad oggi di pianficare e realizzare le linee di trasporto, gli utenti-blogger potranno presentare l’elenco dei disservizi ed eventualmente le soluzioni che vorrebbero veder adottate.

E nella seconda giornata c’è spazio anche per le biciclette. Nell’attesa che vengano bandite le gare per realizzare la follia del Raccordo Anulare Ciclabile, denominato Grab, un anello in i ciclisti potranno muoversi accanto alla strada più trafficata d’Italia e perciò dove vengono prodotti la maggior parte degli inquinanti, le associazioni che si battono per una mobilità a due ruote, hanno a disposizione una sessione tutta per loro.
Vediamo allora cosa chiedono i romani a chi li governa e cosa sapranno mettere in campo i rappresentanti del Movimento Cinque Stelle.»


Tratto da Affari Italiani

Questa la mia cortese risposta alla redazione di Affari Italiani:

martedì 9 agosto 2016

Ripristino… in stile ATAC

Recepiamo e ripubblichiamo la segnalazione del lettore J. Tolomei

Finalmente l'8 agosto il 3 è tornato a Trastevere!
Peccato che non sia mancata l'occasione per "farsi riconoscere", introducendo una nota stonata nel clima festoso di questa “storica" giornata. Guardate un po' cosa è successo all'orario feriale della linea:
               
screenshot del sito www.muovi.roma.it relativi alle partenze la linea 3
in alto, da p.za Thordvalsen in direzione Sud; in basso, da p.le Ostiense(a sx) e p.za Biondo(a dx) in direzione Nord

In pratica, hanno tagliato 29 corse, portando l'intertempo medio da 9' a 10' ½. Così, a fronte di un
allungamento del percorso del 25% (da 10,84 km a ~13,6 km), la produzione kilometrica cresce solo del 9%.
E non mi si venga a dire che:
  • si tratta di un'ulteriore contrazione dell'orario estivo, perchè le altre linee tranviarie non hanno subito variazioni rispetto alla settimana scorsa, ed il 3 ha come minimo pari importanza, inoltre questa modifica non è prevista nel Programma di Esercizio (cfr. Allegato 3 al Contratto di Servizio vigente);
  • l'Assessorato non ne sapeva nulla, perchè ogni modifica negli orari, e quindi del Programma di Esercizio, deve essere concordata ed approvata dal Comune;
  • non ci sono abbastanza tram, perchè in questo momento (in virtù dell'orario estivo medesimo) sono disponibili alcune motrici Cityway normalmente impiegate sulla linea 8 e tutte quelle (almeno 6÷7) che durante l'inverno circolano abitualmente sulla Prenestina;
  • è soltanto un problema di risorse, perchè, considerando la soppressione del 3B e con i corrispettivi attualmente previsti (7,09 /km per i tram e 3,38 /km per i bus), sarebbe bastato togliere appena 4÷5 corse per direzione, anzichè 15, per andare "in pari"*;
A mio avviso, una possibile motivazione di questa mossa è che, al momento, non abbiano abbastanza tranvieri per coprire più tabelle di così, perchè quando hanno pianificato le ferie nemmeno immaginavano che il tram sarebbe tornato a Trastevere; ed in questo caso tutto si risolverà a Settembre.
Oppure e proprio ATAC che, per sue ragioni interne , non vuole il tram (ed il Comune accetta di buon grado).

* così, invece, il Comune risparmia tra i 1˙500 ed i 2˙000 al giorno feriale.